Le emozioni senza voce: alessitimia. Cos’è e cosa significa

by

Sempre più frequentemente i pazienti che incontriamo hanno difficoltà ad esprimere le proprie emozioni.
Spesso alla domanda “Cos’hai provato in quel momento?” non riescono a dare un nome o a riconoscere l’emozione, ma provano a descrivere il momento, ovvero persone affette da alessitimia.
Eppure, le emozioni sono una parte fondamentale per la vita psichica di ogni individuo. Infatti, espresse correttamente aiutano a migliorare la salute psico-fisica.

Cos’è e cosa significa alessitimia?

L’alessitimia è la difficoltà di indentificare e di distinguere le sensazioni somatiche, difficoltà nel descrivere e comunicare emozioni e sentimenti a terzi e, inoltre, in processi immaginativi limitati.

Infatti, si hanno proprio difficoltà ad usare parole appropriate per esprimere un’emozione e si preferisce descrivere i dettagli della vicenda o dell’evento accaduto. Viene a mancare tutto il mondo della fantasia e della creatività.

Come riconoscere l’alessitimia?

Di solito i primi sintomi per riconoscere l’alessitimia, si sviluppano durante gli anni della scuola elementare. Proprio quando i bambini iniziano a intessere relazioni con i coetanei. Ad esempio, quando vengono proposte attività o lavori che coinvolgono lo stato emotivo del bambino oppure attività caratterizzate dal gioco di squadra o dall’approccio con i pari. In questi casi, sembrano bambini estremamente introversi e che hanno difficoltà a fare amicizia e a condividere un gioco.

  • Spesso, le emozioni vengono descritte come azioni dirette. Ad esempio per esprimere la paura, descrivono che le gambe e le mani tremavano forte. Questo potrebbe essere un primo campanello d’allarme.
  • Altri sintomi presentati dagli adulti sono l’incapacità di mettersi nei panni dell’altro, presentano pochi interessi e sono poco entusiasti nell’praticarli, hanno difficoltà a fantasticare o a immaginare un evento nel futuro e, spesso, anche nel comunicare utilizzano parole standard con poche sfumature lessicali.
  • Gli alessitimici tendono spesso a dire che per loro va bene qualsiasi cosa, che tu possa scegliere la pizza o il sushi.

Cause dell’alessitimia

Spesso, le cause vengono ricercate nel rapporto di attaccamento.
Infatti, una figura di accudimento troppo oppressiva, oppure troppo accudente e protettiva o dei caregiver freddi possono sviluppare questo modo di vivere le emozioni.

Inoltre, anche traumi infantili o determinate esperienze di vita possono ostacolare il nomale processo di riconoscimento e di comunicazione adeguata delle emozioni.

4 strategie per migliorare

Essere alessitimici, nella maggior parte dei casi rovina la vita socio affettiva delle persone. Infatti, proviamo ad immaginare cosa si prova a fare una sorpresa al nostro/a amato/a e non ricevere un feedback emotivo.

Ma anche la persona, alessitimica, vorrebbe esprimersi o prova ad esprimersi con scarsi risultati.

Di seguito, alcune strategie che possono aiutarvi:

  1. QUANDO HAI VOGLIA DI PIANGERE O DI RIDERE NON TRATTENERTI:
    Ridere o piangere sono le forme principali, e primarie, per esprimere le emozioni. Inoltre, sono in grado di tranquillizzare e allentare la tensione.
  2. OSSERVA IL MONDO ESTERNO:
    Quando fai una passeggiata all’aria aperta, fermati e osserva ciò che hai intorno. Prova a cogliere ogni particolare dell’ambiente e delle persone presenti. Poi, prova a condividere questa osservazione con gli altri.
  3. USA LA FANTASIA:
    Catapultati e proiettati nel futuro. Prova ad immaginare cosa vorresti fare tra 10 anni, quali sono i tuoi sogni. Più l’immaginazione è surreale e più la tua fantasia si alimenta.
  4. SCRIVI:
    Tieni un diario, giornaliero o settimanale, dei tuoi pensieri o di quello che ti è accaduto.
    Scrivendo riuscirai ad organizzare i pensieri, riconoscerai le sensazioni corporee e le emozioni.

 

La scarsa comunicazione, con sé stessi e con gli altri, determina inevitabilmente lo sviluppo di conflitti (ad esempio: in famiglia; luoghi di lavoro; amicizia).

Riconoscendo i sintomi, possiamo chiedere aiuto.

 

 

  • Biondi, M., Bersani, F. S., & Valentini, M. (2014). Il DSM-5: l’edizione italiana. Rivista di psichiatria49(2), 57-60.

 

  • Porcelli P. (2008). Epidemiologia dell’alessitimia. Costrutti distinti o sovrapposti – V Congresso Nazionale GRP, Foligno, 2008.
Dr.ssa Maria Emanuela Cimmino
Dr.ssa Maria Emanuela Cimmino

Psicologa, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale; Esperta in Schema therapy e Terapia Metacognitiva Interpersonale. Mi occupo principalmente di disturbi di personalità, di disturbi d’ansia, di disturbi dell’umore, di disturbo ossessivo compulsivo, disturbi dell’età evolutiva.

default

Hai bisogno di informazoni?

default

Scopri la Terapia Online

default

Aiutaci a migliorare

default

Scopri la Terapia Solidale

default

Scopri la Terapia di Gruppo